giovedì 5 agosto 2010

La pazzia militare e il piacere di uccidere

Tom Turnipseed
I professionisti di successo si godono il loro lavoro. Il governo di Obama ha scelto un guerriero di successo e felice, il generale del Corpo dei Marines, James N.Mattis per guidare il Comando Centrale degli USA. Il Comando include tutte le forze degli USA in Afghanistan, Iraq, e tutto il Medio Oriente e l’Asia Centrale. Mattis si è compiaciuto dicendo che “è divertente uccidere certe persone” e “avere un piano per uccidere tutti coloro che si incontrano”. 
Uccidere è la chiave per il successo delle azioni militari. Uccidere sufficienti insorgenti rende possibile che le forze d'invasione e di occupazione USA sottomettano e soggioghino i sopravissuti. I veri vincitori nel Medio Oriente sono le corporazioni con sede negli USA che vogliono sfruttare le risorse dei paesi ricchi d’energia e minerali come l’Iraq, l’Afghanistan e l’Iran. I mercenari della guerra corporativa dell’industria della difesa vincono come re. Danno gli strumenti per le uccisioni, i mercenari assunti e altri materiali, equipaggiamento e rifornimenti costosi per le nostre interminabili guerre contro il terrore....

Mattis ha un solido curriculum nell’affare dell’omicidio militare. E’ stato tenente colonnello nell’invasione dell’Iraq da parte degli USA nel 1991, ha guidato i marines nell’invasione dell’Iraq nel 2003, ha capeggiato l’attacco degli USA contro la città irachena di Falluja nel 2004 ed ha aiutato a pianificare il sito che ha distrutto la città e uccise mille di civili iracheni. Mattis ha anche guidato i primi eserciti che arrivarono in Afghanistan nel 2001.

Descrivendo i suoi sentimenti sulle persone dell’Afghanistan, il generale Mattis ha detto: “…..è un grandissimo divertimento spararle. In realtà è abbastanza divertente combattere contro di loro, sapete. E' terribilmente divertente. E’divertente sparare ad alcune persone. Sarò là con voi. Mi piace molto la lotta”.
L’autore Ricks ha scritto che Mattis ha detto ai suoi soldati che: “Siate cortesi, siate professionisti, ma abbiate un piano per uccidere tutti quelli che incontrerete”.
Secondo le informazioni Mattis ha detto ai suoi soldati durante l’operazione Storm Desert in Iraq : “E’ la missione di  ogni marine nel battaglione quella di inviare un iracheno morto alla loro mamma”.

Forse il generale dell’esercito nella Seconda Guerra Mondiale, George S. Patton  Jr, è un modello per Mattis nella sua glorificazione della pazzia militare ed il piacere d’uccidere. Patton disse: “Magnifica! Comparata alla guerra tutte le altre forme di sforzo umano sono ridotte all’insignificanza. Che Dio mi aiuti, mi affascina! E
“nessun figlio di puttana ha vinto una guerra morendo per la sua patria, l’ha vinta facendo che l’altro povero figlio di puttana morisse per la sua”. Patton ha anche detto: “Gli USA amano il vincitore e non sopportano il perdente, per questo gli USA non hanno mai perso una guerra e mai la perderanno”. Certamente questo è stato prima delle disavventure militari in Corea, Vietnam e Afghanistan.

Il segretario alla Difesa Robert Gates definito Mattis come "uno dei leader in combattimento e pensatori strategici più importanti delle nostre forze armate, e porta un mix essenziale di esperienza, conoscenza e prospettiva a questa importante posizione". Alla domanda sulla retorica sanguinaria di Mattis, Gates ha ignorato un
rimprovero ufficiale nei confronti Mattis dicendo che era cinque anni fa.

In Afghanistan, le forze degli USA e della NATO continuano ad aumentare. La quantità di statunitensi morti fino ad ora, durante questo mese, è di 23, con 14 morti la settimana scorsa. A giugno sono morti 102 soldati dell’esercito occupante, inclusi 60 statunitensi. 1.149 soldati statunitensi sono morti nella guerra in Afghanistan, ed una quantità innumerevole di civili afgani. Non facciamo il conto delle vittime del “nemico” perché, come ha detto il segretario della Difesa, Rumsfeld, “la morte ha la tendenza a stimolare una visione deprimente della guerra”. 

La nostra crisi economica è strettamente legata al costo della guerra. Costa un milione di dollari all’anno mantenere un solo soldato in Afghanistan. La finanziaria 2010 del Pentagono è di 693.000 milioni di dollari, che supera tutti gli altri programmi per le spese discrezionali combinati- mentre il nostro deficit vola. Abbiamo un disperato bisogno di soldi per creare posti di lavoro verdi, ricostruire le nostre infrastrutture fatiscenti e migliorare l'istruzione.
Il presidente Obama ha sostituito il generale McChrystal con il generale Petraeus come generale comandante delle forze degli USA e della NATO in Afghanistan.  McChrystal aveva fatto commenti sprezzanti su Obama e sulla conduzione della guerra da parte del suo governo. Petraeus  era capo del Comando Centrale e sarà sostituito da Mattis. Obama ha detto: "La guerra è più grande di ogni uomo o donna, sia soldato, generale o presidente".
La guerra in Afghanistan è un grande perdente. Riorganizzare le poltrone per includere un altro pazzo militare che pensa che “è divertente uccidere” non impedirà di affondare come il Titanic. Solo la fine della guerra salverà ad Obama.

Un recente sondaggio di ABC/Washington Post ha stabilito che la gente pensa che la guerra non vale la pena, ma per un margine di 53 a 44. Un sondaggio della NBC/Wall Street Journal ha detto che il 62% del popolo statunitense dice che il paese sta andando verso la direzione sbagliata e che la popolarità d’Obama  è del 45% contro un 48% di disapprovazione.
Il presidente Obama è stato il politico di maggior successo negli Stati Uniti, che sembrava felice di essere eletto per il massimo ruolo nel paese. La sua promessa di pace, speranza e cambiamento era stata un successo. Tuttavia la sua incapacità di porre fine alla pazzia militare di uccidere per divertimento lo trasformerà in un perdente nel 2012 e condannerà alla rovina il suo partito a novembre.

Tom Turnipseed è avvocato, scrittore e attivista per la pace in Colombia. 
Traduzione per Voci Dalla Strada a cura di VANESA 

Nessun commento: