mercoledì 11 agosto 2010

Nuota con i delfini guaritori

Francesco Gilan
C’è chi li massacra impunemente  per venderli al mercato come i macellai giapponesi che solcano mari ed oceani. E chi ne fa strage tanto per ammazzare il tempo. I cetacei: intelligenti, sensibili, belli e più evoluti del genere umano. Insomma: eccezionali terapeuti, in grado di arrecare benefici all’essere umano, di aiutarlo a guarire da alcuni malanni. La chiamano“delfinoterapia. E’ praticata dagli psicologi dell’International University of Florida di Miami. In Europa è poco conosciuta. La terapia con l’ausilio dei delfini (“animal-assisted therapy”) è un’esperienza nuova in Italia. E’ stata introdotta dall’associazione scientifica Arion di Roma, dopo un attento studio delle esperienze internazionali, in particolare quella del dottor David Nathanson, in Florida. L’incontro con i cetacei (delfini “Tursiops truncatus”) avviene nel Delfinario di Rimini, dove l’Arion opera con progetti educativi e terapeutici, nonché programmi di ricerca specifici. E’ l’unico caso italiano di delfinoterapia....

Un èquipe di psicologi, educatori e biologi marini coordina un trattamento di immersioni controllate coi delfini per bambini autistici. Il progetto sperimentale pluriennale è stato studiato in collaborazione con le università di Bologna, Siena e Parma. «I programmi – spiegano alla Arion – sono destinati prioritariamente a bambini (6-12 anni) affetti da autismo e ad adulti sofferenti di depressione. Persone con altre patologie, legate a problemi relazionali e di comunicazione, verranno inserite solo in numero limitato e dopo attenta valutazione dei vantaggi che la terapia con i delfini può offrire loro». Puntualizza la dottoressa Giuseppini: «Tutto ciò che accade in vasca è spontaneo: i delfini cioè non vengono addestrati a comportarsi in modo particolare in situazioni di terapia». L’incontro è concepito come un gioco, lasciato all’iniziativa di queste geniali creature marine. Le immersioni durano mediamente 20-30 minuti, ma anche più se occorre. Il “paziente” impara a nuotare con il delfino – con Sole o Luna – a toccarlo, a fidarsi di lui e il cetaceo riesce con la sua spontaneità a divertire i piccoli, a sorprenderli, a liberarli dalle loro paure e a farli uscire dalla solitudine. «Il lavoro è supervisionato da personale qualificato in ogni momento – osserva l’etologoga Eugenia Natoli – ma è il delfino che agisce in completa autonomia ed accetta il piccolo ospite senza nessun problema». Non è facile, infatti, convincere uno di questi animali a fare una cosa che non vuole. I delfini coadiuvano le terapie tradizionali ed il risultato è che tantissimi bambini hanno imparato ad esprimersi, ad essere meno aggressivi e chiusi nel proprio mondo. «I delfini sono abilissimi a cogliere i diversi atteggiamenti dei ragazzi, a captare le loro emozioni, gli stati d’animo – racconta l’anima ispiratrice di Arion – hanno una sensibilità estrema e una dolcezza rara a condizione che si sentano liberi di fare quello che gli suggerisce l’istinto e non gli si imponga nulla con la forza». Insomma, sono loro che spontaneamente scelgono di avvicinarsi ad un bambino e di occuparsene. I delfini riescono a catturare l’attenzione delle persone autistiche (e non solo) in un modo che non ha precedenti. Bimbi che spesso, nelle sedute più tradizionali sono assenti e ignorano le consegne dell’educatore, in vasca, non solo seguono costantemente i delfini con lo sguardo, ma sono più in contatto con l’operatore e ne seguono spontaneamente le indicazioni, in se si tratta di suggerimenti sul modo di avvicinarli. L’autismo e la depressione sono le patologie che meglio si prestano nella co-terapia con questo straordinario animale. Ma i problemi di comunicazione non sono le uniche patologie curabili con l’aiuto dei delfini. I ricercatori del Dolphin Plus centre di Key Largo, in Florida, hanno  sottoposto con successo alla delfinoterapia anche malati terminali, paraplegici, persone che hanno patito gravi amputazioni, nonché ragazzi ciechi e sordociechi. Si è rilevato che il contatto con i delfini può aiutare anche chi non riesce a rassegnarsi ad un lutto particolarmente grave. Inoltre, secondo il professor Igor Tcharkovsky, che ha offerto ad alcune donne incinte la possibilità di nuotare con dei delfini nel Mar Nero, «questi mammiferi marini, grazie alle loro capacità di comunicazione telepatica, sarebbero in grado di trasmettere al feto alcune delle loro conoscenze e di insegnargli a non aver paura dell’acqua». Sembra che le femmine dei delfini siano particolarmente interessate alle donne in gravidanza, e Tcharkovsky afferma che «sono anche capaci, durante un parto sott’acqua, di portare il neonato in superficie». I delfini aiutano a star meglio soprattutto bambini dislessici, anoressici, psicologicamente turbati, affetti da sindrome di Down, vittime di abusi. Spiega lo psicoterapeuta Nathanson, padre del programma Dolphin Human Therapy: «I bambini, o chiunque soffra di un handicap mentale, manifestano un fortissimo desiderio di interagire con i delfini. Questo desiderio è alla base della terapia: aumenta l’attenzione, modifica il comportamento, stimola al raggiungimento di uno scopo. Compito  del terapeuta è indirizzare l’attenzione a obiettivi quali l’apprendimento del linguaggio, coordinazione motoria, concentrazione». Ma come e perché funziona la delfinoterapia? Misurando le reazioni neurologiche di chi nuota coi delfini, sono state scoperte delle alterazioni nel funzionamento del cervello: la più notevole è la sincronizzazione dei due emisferi cerebrali, destro e sinistro, che cominciano a lavorare con la stessa frequenza, evento che normalmente non succede.    L’ipotesi attualmente più accreditata è quella che attribuisce l’efficacia della delfinoterapia ad «un complesso di fattori che vanno dall’immersione nell’acqua al contatto fisico e allo scambio giocoso con gli animali». In base all’esperienza diretta e all’osservazione clinica, la psicologa Marina Giuseppini, ritiene che «l’immersione nell’acqua salata non solo ha un legame simbolico con le origini stesse della vita, ma fornisce anche al corpo un sostegno che favorisce l’equilibrio, la fluidità del movimento e il rilassamento. E aiuta a sciogliere rigidezze corporee e blocchi emotivi. La presenza dei delfini – prosegue l’esperta italiana – moltiplica gli effetti positivi dell’acqua. Le testimonianze indicano che l’incontro con queste creature è un’esperienza profondamente coinvolgente». Nuotare con i delfini può essere utile anche a tutti quelli che desiderano beneficiare di un’esperienza rasserenante. Arion è impegnata a promuovere la realizzazione in Italia o comunque nel Mediterraneo, di una struttura simile alle lagune naturali esistenti in Florida e nel Mar Rosso. L’unica controindicazione alla delfinoterapia è etica: ne sarebbero danneggiati proprio i delfini. La regola numero uno è rispettare i loro ritmi vitali, tenerli come compagni di giochi e utilizzarli come amici-guaritori, ma senza sfruttarli.
Terranostra

Nessun commento: