giovedì 12 agosto 2010

S.O.S. : Siamo Ossessivamente Spiati

Romolo Gobbi 
Nonostante Obama durante la campagna elettorale avesse promesso di prevenire gli abusi della pubblica amministrazione americana nei confronti dei cittadini, negli ultimi mesi il presidente USA sta tramando con l'FBI affinchè questa possa "avere accesso al traffico e-mail di ogni cittadino, senza dover richiedere l'autorizzazione di un giudice". In verità, sin dalla guerra fredda, esiste un sistema di "intercettazioni dei segnali passanti per i satelliti per le comunicazioni internazionali", facente capo agli Stati Uniti e all'Inghilterra , poi esteso ad altri Paesi, meglio conosciuto come "Echelon". Le basi di questo sistema di spionaggio sono sparse in tutto il globo: "a Sugar Grove, nella Virginia occidentale, a 250 miglia a sud-ovest di Washington, a Yakima sulla costa occidentale degli Stati Uniti, a Sabena Seca, nell'isola di Porto Rico, a Misawa in Giappone, nell'isola di Guam, a Morwenstow e Marrwith Hill in Gran Bretagna, presso Geraldton in Australia e a Waihopai in Nuova Zelanda".... Echelon spiava non solo governi nemici e non , ma anche aziende private e potenzialmente "ogni telefonata, fax, e-mail in Europa sono di regola intercettate da Echelon". Si pensò anche all'intercettazione dei messaggi inviati via cavo sottomarino: "il sottomarino Jimmy Carter è stato modificato (ad un prezzo compreso tra i 600 e gli 800 milioni di dollari) in sede di costruzione per svolgere delicate missioni clandestine di spionaggio". L'importanza dell'intercettazione delle informazioni passanti dai cavi telefonici sottomarini è stata confermata nel caso del cavo sottomarino di collegava Libia ed Egitto, che nel 1972 "gli israeliani sabotarono costringendo questi due paesi arabi ad utilizzare comunicazioni via etere che potevano essere intercettate".Del sistema di spionaggio internazionale facevano parte anche "alcuni sistemi operativi browser di navigazione Internet e di gestione della posta elettronica di provenienza americana, ampiamente diffusi nel mondo, che conterrebbero delle 'porte di servizio' volte a permettere l'aggiramento dei sistemi crittografati, che 'girano' su questi programmi". Secondo indiscrezioni dei servizi segreti francesi, la Microsoft ha legami molto stretti con la NSA, l'Agenzia per la Sicurezza nazionale americana. Dopo gli attentati dell'11 settembre 2001, l'apparato spionistico americano si è ulteriormente esteso: "Qualcosa come 1271 organizzazioni governative e 1931 aziende private lavorano con compiti di antiterrorismo, sicurezza interna e intelligence in circa diecimila località in tutti gli Stati Uniti. Si calcola che 850mila persone, quasi una volta e mezza gli abitanti di Washington, abbiano un nulla osta di massima sicurezza". Il sistema spionistico è diventato così enorme che: "gli analisti che interpretano le conversazioni e i documenti ottenuti grazie ad attività di spionaggio nazionale ed internazionale condividono le loro valutazioni, pubblicando 50mila rapporti di intelligence all'anno: un numero così grande che molti rapporti vengono sistematicamente ignorati". Un bel gruppo di questi rapporti è stato invece reso pubblico recentemente dal sito internet Wikileaks: "92mila documenti segreti dell'esercito USA che Wikileaks ha svelato con una decisione che per la Casa Bianca 'mette in pericolo la sicurezza nazionale' ". Questi documento sono stati paragonati ai "Pentagon papers" che nel 1971 svelarono le origini della guerra del Vietnam e suscitarono forte reazione dell'opinione pubblica. I documenti pubblicati da Wikileaks riguardano "eventi, logistica e nomi inerenti a quanto avvenuto dal gennaio 2004 al dicembre 2009, ovvero incluso il primo anno di presidenza di Obama". Questa massa di documenti conferma l'enormità dell'attività spionistica americana, e anche tutte le porcherie compiute dall'esercito americano in Afghanistan negli ultimi anni: " le vittime civili si sovrappongono a volte alle operazioni della task force 373 - di cui finora si ignorava l'esistenza - a cui il Pentagono ha affidato la missione di 'trovare ed eliminare' i 70 capi più importanti di Taleban e Al Qaeda".
A coordinare le attività spionistiche americane è la NSA, l'Agenzia per la sicurezza nazionale, "i suoi edifici occupano due milioni di metri quadri, più o meno quanto il Pentagono, e sono circondati da 30 ettari di parcheggi". La NSA svolge attività di spionaggio elettronico in tutto il mondo: "è stato rivelato di recente che ogni giorno i suoi sofisticati apparati captano 1,7 miliardi di telefonate, e-mail e comunicazioni di ogni tipo". Nonostante l'enormità delle attività spionistiche esistenti , l'FBI, con la complicità di Obama, vorrebbe estendere ulteriormente il suo potere fino a "consentire agli agenti di controllare l'attività di qualsiasi persona su Internet, dai file scaricati ai blog consultati". mentre l'FBI si "preoccupa" dei cittadini, la CIA "ha firmato una joint venture con Google per realizzare un progetto ambizioso, il "Futuro registrato". Gli 007, insieme ai maghi dell'informatica, cercheranno di prevenire le prossime azioni terroristiche attraverso la raccolta e l'analisi di informazioni sul web. Di nuovo, i social network come Facebook, i blog, i siti, gli interessi di chi naviga, le discussioni e gli eventi saranno materiale su cui lavorare. Costo iniziale del programma: 10 milioni di dollari". Niente in confronto al bilancio complessivo delle attività spionistiche statunitensi: "l'anno scorso sono stati spesi 75 miliardi di dollari, 21 volte e mezzo in più rispetto al 10 settembre 2001".

Nessun commento: