venerdì 18 marzo 2011

Sarkozy voleva appioppare centrali nucleari anche a Gheddafi

Debora Billi
Da qualche giorno mi chiedo come mai Sarkozy sia così avvelenato (per dirla alla romana) con Gheddafi. Dopo essere stato infaticabile promotore della no-fly zone, non pago ora preme per un attacco immediato con una foga che spaventa persino gli americani, indotti all'insolito ruolo di pompieri delle velleità belliche altrui.
Così, sono andata a vedere cosa gli avrà mai fatto Gheddafi a Sarkozi, per farlo così arrabbiare. Apparentemente, proprio nulla. Anzi: nel 2007 il colonnello era stato ricevuto all'Eliseo con tutti gli onori, tra proteste e polemiche dell'opposizione francese (un po' come successo qui da noi).
Ma Sarkozi aveva tirato diritto: senza arrivare al baciamano, ha concesso a Gheddafi di piantare la tenda all'Hotel de Marigny, dove scendono gli ospiti d'onore. Poi il colonnello ha visitato Versailles, ha partecipato a battute di caccia, ha avuto ben due incontri col Presidente. E alla fine del corteggiamento, si è arrivati al dunque: le firme. Vogliono tutti i quattrini, dalla Libia. Sia mai che i soldi che gli diamo per il petrolio se li tengano, devono in qualunque modo rimetterli in tasca a noi.....

E così, caccia, elicotteri da combattimento, ben 21 aerei di linea Airbus. E come ciliegina, la Francia non si smentisce e smolla a Gheddafi le solite centrali nucleari da piazzare ai fessi: accordo di cooperazione nel settore dell'energia nucleare ad uso civile, che secondo quanto si legge in un comunicato dell'Eliseo apre la strada alla creazione «delle infrastrutture legislative, regolamentari e amministrative» per «la fornitura di uno o più reattori nucleari» destinati ad alimentare degli impianti per la desalinizzazione e per il «sostegno alle attività di prospezione e sfruttamento dei giacimenti di uranio».
Rimane il mistero del voltafaccia della Francia che ora vuol bombardare la Libia. Sarà mica che anche Gheddafi, spaventato dal disastro giapponese, ha rivisto la sua posizione sul nucleare civile?
In tal caso, prepariamo l'antiaerea.
Crisis

Nessun commento: