giovedì 14 aprile 2011

Gaza: rapito Vittorio Arrigoni

Monia Benini
C'è molta preoccupazione a Gaza per il rapimento di Vittorio Arrigoni, ma da quanto è dato sapere il Governo di Hamas farà di tutto per la liberazione dell'Italiano.
L'impressione che trapela da un contatto della Striscia, conosciuto durante la missione umanitaria Hope Convoy, alla quale abbiamo partecipato io e Fernando Rossi, è quella che si tratti di un atto allo scopo di intimidire tutti gli attivisti che arrivano a Gaza, per bloccare l'assedio e portare aiuto alla popolazione palestinese. Un nostro amico di Khan Yunes, referente anche per il gemellaggio fra una scuola della Striscia e una di Bari, si è scusato con noi: "Qui siamo tutti riconoscenti verso gli Italiani impegnati a portarci aiuti umanitari e siamo mortificati per quanto successo."......

Un nostro ulteriore contatto a Gaza manifestava i suoi dubbi rispetto ai reali autori del rapimento: "Al momento non ci sono certezze sulla reale matrice del gesto: qui non ci risulta che esista il gruppo che ha rivendicato l'atto, mentre di certo il rapimento viene già utilizzato per cercare di danneggiare l'immagine delle autorità di Gaza e sappiamo bene che a quest'obiettivo da tempo lavorano Israele, gli Stati Uniti e gli uomini del Mossad infiltrati in Fatah.Nessuno nella Striscia può apprezzare o sostenere chi ha fatto una cosa del genere." Il nostro amico fra l'altro indicava come anche la storia italiana abbia visto depistaggi, falsi indizi e falsi colpevoli. E in effetti ci è subito venuto in mente il periodo degli anni di piombo o la celata presenza di attori "sionisti" nella nostra penisola al momento di alcuni fra i peggiori attentati.

E quindi, mentre a Gaza si sta facendo di tutto affinché Vittorio possa essere presto liberato, noi continuiamo a cercare di informarvi, grazie al prezioso contributo dei nostri contatti a Gaza. Speriamo di avere presto buone notizie da comunicarvi.

Per il Bene Comune esprime totale solidarietà a Vittorio e alle Autorità di Gaza, con la certezza che queste ultime faranno di tutto per salvargli la vita, consapevoli come sono che egli a Gaza rappresenta tutti gli Italiani che continuano a lottare contro i crimini di Israele e il feroce blocco imposto su Gaza.
Altre informazioni su Infopal.it  clicca qui >>

Nessun commento: