lunedì 21 maggio 2012

Ricapitoliamo questi ultimi giorni non solo a Brindisi, ma ovunque

Marinella Andrizzi Sinibaldi
Per prima cosa, "bomba"!
Unica foto che vorrebbe dimostrare l'esplosione di tre bombole, è la foto, presa chissà dove, di una bombola con uno squarcio, ma senza alcuna bruciatura.
Stessa cosa sul luogo della cosiddetta "esplosione". E ora, c'è anche il colpevole preso con le mani nel sacco. Pardon, con le mani sul detonatore. Che però non si vede. Ma ... l'intelligence che ci starebbe a fare? Quelli capiscono sempre tutto!
Da notare che tutti gli italiani sono a conoscenza che quasi tutte le vie hanno telecamere di sorveglianza. Meno a Brindisi.
I brindisini sono particolarmente rincoglioniti. Sarà l'aria di mare?
Oppure, non è l'aria di mare e il rincoglionito è uno solo, quello che usa il detonatore.
E perché poi dovrebbe essere un detonatore? Magari, si stava semplicemente guardando la giacca perché si era macchiato di sugo e non se n'era accorto prima!
No! Hanno deciso, per farci un favore, che era un detonatore ... al tonno! O alle cime di rape.
Il crimine di Stato, più idiota in assoluto, fu "l'attentato" alle torri gemelle. Sputtanato nel medesimo istante che questo avveniva!
Ma qui, a Brindisi, è ancora peggio. Intelligence o ... deficiens?......

Comunque, non ha importanza. L'importante era rompere i coglioni a noi e, in effetti, ci sono riusciti.
Mettere paura, non proprio. Ma abbiate pazienza. Non dovete avere fretta! Ci saranno altri attentati, questo ce lo garantisce Monti in persona!
Intanto però, stanno muovendosi per garantirci egualmente lo spettacolo. Infatti, vorrebbero anche riaprire i manicomi. Così, se c'è qualche testimone scomodo. Qualcuno che sa quel che non dovrebbe sapere o che ha visto o capito troppo, lo sbattono in manicomio contro la sua volontà e da lì, non lo farà mai più uscire nessuno.
Gli elettroshock saranno offerti dalla casa!
Ovviamente, il tutto non dovrà costarci troppo, altrimenti potremmo reclamare.
E, visto che attentati e terremoti, se fatti bene buttano giù parecchie case, si sono già interessati a limare le spese. Infatti, oltre agli esplosivi, non ci costeranno nulla, perché per i terremoti, alluvioni e quant'altro, lo Stato non ci rifonderà un cazzo! Solo chi si potrà permettere un'assicurazione potrà riavere neanche tre quarti o la metà, del valore effettivo demolito o distrutto.
Ovviamente in caso di attentato, sommosse popolari o vandalismo, l'assicurazione non risarcisce un tubo!
Insomma, ci aspetta un anno emozionante!
Ci ammazzeranno, ci rinchiuderanno nei manicomi, ci distruggeranno le case e, il tutto, senza poter riprendere un solo centesimo.
Questo significa mettere in politica e al governo dei banchieri.
E, visto che la stragrande maggioranza lo ha voluto, continuando ancora a guardare i TG e a comprare giornali, credendo ad ogni stronzata che dicono o scrivono, che vi devo dire? Divertitevi pure, ma non rompete le palle a nessuno per quel che dovrà avvenire prossimamente qui, su questo schermo di merda che è l'Italia!
P.S. Avete mai provato a trasportare una bombola di gas? E tre?
Avete mai provato a non credere ad ogni cazzata che vi raccontano? No? Beh, provateci!

1 commento:

Amalia ha detto...

Che schifo,non ci son già più parole per quel che sta accadendo in questi mesi.Dobbiamo unirci e mandarli tutti via e cercar di ricostruire il Paese più bello del mondo su basi solide e amandoci e solidarizzando l'un con l'altro molto di più. Bravo Marco,finalmente uno che dice le cose cosi' come stanno!