martedì 31 luglio 2012

Perché siamo dei poveri idioti

Marinella Andrizzi Sinibaldi
L’umanità ha avuto progressi scientifici continui fino a circa un secolo fa. Poi, improvvisamente, dopo aver blindato molteplici brevetti  riguardanti soprattutto energia alternativa gratuita e pulita, con il solito “segreto militare”, il progresso scientifico e tecnologico si arresta, continuando solo per cretinate tipo cellulari, Iphone, smart phone, televisori, videogiochi e cazzate varie prive di vera utilità sociale. Come anche per farmaci che curano le malattie, anziché procurarle.
In pratica hanno accantonato tutto ciò che non è brevettabile e/o che non ammette lucro.
Tutto per far continuare le varie multinazionali a depredare il mondo, inquinando fino all’inverosimile.....

E le banche non sono state a guardare, sfruttando e dirigendo tale gioco a tutto vantaggio loro, arrivando persino a far bere a tutti l’assurdità illogica della perdita della sovranità monetaria, inventandosi di sana pianta un debito pubblico, tanto inestinguibile quanto inesistente e illegale.
Un’organizzazione a delinquere di poche migliaia di persone che, con favolette idiote, sono riuscite a sottomettere e a sfruttare le popolazioni mondiali, procurando loro malattie, miseria e fame.

Quando invece non sarebbe dovuto esistere nulla di tutto ciò, ma una semplicissima vita tranquilla e senza neanche bisogno di lavorare con ritmi di schiavitù.
Una vita tranquilla e pacifica per tutto il mondo.
Invece, abbiamo persino creduto che il petrolio e il gas fossero insostituibili, come anche il nucleare. E che il cancro e tantissime altre malattie fossero incurabili e naturali.
Ma quando si arriva al punto di non riuscire a capire neanche la truffa del debito pubblico, che è davvero plateale e infantile, significa aver toccato il fondo!  A discapito di ogni benché minima forma umana di dignità.

Ma la cosa ancor più comica, se non fosse tragica, è che siamo arrivati ad un punto di idiozia tale, da credere che fosse normale farsi ammazzare pur di lavorare! Come anche il semplice fatto di credere che senza lavorare e senza tasse da pagare non si potesse vivere.
E pensare che a questi criminali è bastato semplicemente comprarsi tutti i politici, controllare giornali e televisioni che sfornano solo frottole e cazzate e azzerare la capacità d’istruire delle scuole!

Così che, due più due, nessuno è più capace di farlo con la testa propria! Finendo per credere agli asini che volano!  Facendoci spennare ben bene, discutendo persino su destra, sinistra e centro. Meglio quello o meglio quell’altro? Convinti di poter scegliere il solito ed inesistente meno peggio! Mentre sono tutti collusi e corrotti, pagati per fregarci.
L’importante è avere popolazioni divise dai partiti o da falsi interessi;  per corporazioni o anche solo per propria e innata imbecillità.
Più idioti di così, si muore!

Nessun commento: