domenica 12 agosto 2012

Che fine ha fatto la "geoingegneria"?

Massimo Mazzucco
Ricordate lo strombazzamento degli ultimi anni, con il quale ci veniva venduta questa "nuova" invenzione scientifica per modificare il tempo, chiamata "geoingegneria"?
Ci dicevano "che bello, ora potremo spruzzare le nuvole in modo da controllare il tempo (perchè prima non sapevano farlo, ovviamente), e potremo fare piovere dove c'è troppa siccità, oppure rallentare le precipitazioni dove già piove troppo per conto suo!"
"Maddài, diggiùro - disse felice l'uomo della strada - A'mo svortato, finalmente!".....


Ora invece sembra tutto dimenticato. Gli Stati del MidWest americano stanno soffrendo una delle più gravi siccità degli ultimi cinquant'anni, ma a nessuno viene in mente di utilizzare la famosa "geoingegneria" per risolvere il problema.

Anzi, il direttore della FAO, da Silva, ha detto che "questa situazione ci ricorda che persino le agricolture più avanzate sono soggette ai capricci del tempo, che portano volatilità nei prezzi e nelle riserve, non solo sui mercati nazionali, ma anche su quelli internazionali."

E infatti, guarda caso, gli Stati Uniti sono i più grandi produttori di granoturco nel mondo, e con la siccità che imperversa il prezzo del granoturco sta schizzando alle stelle: + 23% nel solo mese di luglio. E siccome il granoturco compare praticamente nella metà dei cibi di tutto il mondo, ...

... le conseguenze di questo aumento dei prezzi si risentiranno a livello globale.

Guarda a volte la natura che scherzi ti può fare.

Ma la crisi del granoturco sta portando anche un'altra conseguenza "funesta": la legge americana infatti prevede che il 40% del raccolto di granoturco venga utilizzato per la produzione di etanolo. Ma ora che la crisi mondiale del granoturco per uso alimentare si affaccia, molte voci cominciano a chiedere che questa percentuale venga abbassata.

È davvero un peccato, perché con l'introduzione dell'etanolo il prezzo della benzina aveva iniziato finalmente a scendere, da 25 centesimi fino ad oltre un dollaro a gallone, a seconda delle stime. Ma ora, guarda un po' che sfiga, ci toccherà rialzare pure quello.

Questi delle lobby petrolifere sono geneticamente bastardi. Geneticamente modificati per esserlo, si intende.
Fonte: BBC
Luogocomune

Nessun commento: