giovedì 17 gennaio 2013

Bersani apre il tour parlando ai giovani

Marinella Andrizzi Sinibaldi
Non è importante sapere le fesserie che costui avesse avuto da dire.
Non sono importanti le frottole con cui avrà infarcito il suo pseudo discorso, tanto per non far capire persino a dei giovani imbambolati, quanto lui sia corrotto e venduto.
Non sarebbe neanche stato importante poter controbattere gli sproloqui, magari chiedendogli di dimostrare matematicamente che il debito pubblico non è una truffa. Visto che la dimostrazione che lo sia proviene proprio da un calcoletto matematico inconfutabile....

E non è nemmeno importante mettersi poi a bestemmiare per aver buttato dalla finestra tutto il tempo perso inutilmente per stare a sentire uno come Bersani.
Quello che è importante, invece, è trovare le foto di questo evento.
Foto in cui si possano ben vedere i visi dei giovani partecipanti. Per poi, con calma, guardarli bene in faccia. Uno ad uno.
Capiremmo così, che non c’è più alcuna speranza di futuro!
Perché un gran numero di imbecilli, tutti con una “copertina” sulle ginocchia, con su scritto: “Italia giusta”, ti fa capire a quale punto di degrado mentale siamo arrivati!
Andare a sentire Bersani che chiacchiera credendo di dire cose interessanti, equivale a darsi da solo del coglione! Coglioni che applaudono al boia!
Spero solo di svegliarmi domani e accorgermi di avere 70 anni. Onde evitare di essere scambiata per una di quelle sceme che hanno partecipato! Ma anche per rassicurare me stessa di non avere nulla a che spartire con tali giovani.
Ma così, se fosse possibile, perderei la mia gioventù?
Tranquilli, con una gioventù del genere, non hai proprio nulla da perdere. Anzi ....

1 commento:

lelamedispadaccinonero ha detto...

molta gente pende dalle labbra di questi vermi...
siamo condannati