martedì 30 dicembre 2014

La luce del buio - 24° puntata

Marco Cedolin

Eccolo pronto per essere l'ospite d'onore questa sera a “Giustizia in Diretta” si sorprese a pensare, guardando lo sventurato. Quel programma lo aveva sempre disgustato, forse in quanto trovava di cattivo gusto la commistione fra le sorti di un uomo ed il contorno di balletti, showgirl ed opinionisti di ogni risma che lo contraddistinguevano. Da casa la gente poteva anche giocare a “Vota la Sentenza” dove al costo di un solo dm. veniva dato modo di esprimere la posizione del proprio pollice.....

Il tutto comunque era un ottimo business, per la TV, per Olovoce Italia che raggruppava le 17 compagnie olofoniche del paese e naturalmente per gli sponsor.
La “Sapori in Famiglia”, colosso del settore alimentare era arrivata a spendere 300.000 dm. per il permesso di tatuare il proprio logo sul petto di un condannato all'eliminazione, naturalmente condiscendente, in quanto il 2% dell'introito sarebbe stato destinato alla famiglia del disgraziato.

Lo stridere della sirena gli entrò nel cervello in profondità. L'ambulanza blu con il logo rosso della “Cura e Prevenzione spa” si fermò a pochi metri da loro, due infermieri caricarono a bordo l'agente ferito e l'auto ripartì a gran velocità col bagliore dei lampeggianti e il suono lamentoso che si persero a poco a poco nell'oscurità imminente. Era curioso il fatto che i mezzi di soccorso avessero mantenuto dei retaggi del passato quali lampeggiatore e sirena, anche oggi che non esisteva più alcun traffico in superficie.

Le perquisizioni iniziarono intorno alle 18. Mario si rese conto di avere tutti i muscoli indolenziti dalla posizione innaturale cui era sottoposto da oltre quaranta minuti, percepiva un forte odore di olio, probabilmente quello usato per la lubrificazione del tappeto.
Alcune persone furono multate, chi perchè aveva osato protestare con gli agenti, chi in quanto era stato trovato in possesso d'innesti illegali, altri a causa del fatto che la loro maschera non era omologata con le ultime direttive......

continua.....

Nessun commento: