mercoledì 3 dicembre 2014

la luce del buio - sesta puntata

Marco Cedolin

Il primo gesto quasi automatico fu quello di attivare il videolofono ed avvisare la pp. del proprio rientro a casa, era indispensabile nell'interesse dei cittadini far si che le forze dell'ordine fossero sempre informate riguardo agli spostamenti di ciascuno. Poi accese l'olotv 42 pollici e due concorrenti dall'aria pseudo intellettuale si animarono all'interno della stanza, insieme al presentatore di “Una domanda per cambiare una vita”.....

Era obbligatorio tenere l'olotv acceso almeno cinque ore al giorno e il ministero per la cultura delle masse aveva fatto di questa legge un vanto, nel nobile tentativo di ridurre sempre più l'ignoranza e promuovere la cultura.

Incurante delle “domandine” che gli saltellavano accanto in abiti discinti, profondendosi in un balletto d'intermezzo ( atto a stemperare la tensione dei concorrenti, nonchè a rimpolpare i dati olotel in sovraimpressione in un angolo del tinello) Mario incominciò a riempire le ciotole accanto alle tre bestiole pelose che si profondevano in miagolii degni degli impianti polifonici di ultima generazione.

In quel momento il videolofono intonò con voce querola “chiamata in arrivo Olga De Martinis” e così continuò fino a quando lui non si rassegnò a pronunciare la parola "ok".
Lo schermo lcd inquadrava una ragazza sulla trentina di carnagione chiara, i capelli rosso amaranto screziati di verde in quello che restava di un'acconciatura selvaggia chic datata un paio di giorni, gli occhi impenetrabili dietro le lenti a contatto maculate, un piercing al naso abbastanza discreto ma in grado di contenere almeno un paio d'innesti.
-Ciao bell'uomo non ti fai sentire da più di una settimana e pensavo fossi adirato con me per chissà
uale motivo-
esordì la fanciulla.
- No Olga,mi conosci da sette anni anche se non ci siamo mai incontrati personalmente e sai benissimo che adirarmi non rientra nei miei sport preferiti. Semplicemente sono stato troppo indaffarato in questo periodo il lavoro...-

continua....

Nessun commento: