domenica 1 marzo 2015

La luce del buio - 49° puntata

Marco Cedolin

-Sissignore ha ragione ,ci scusi, probabilmente abbiamo perso la testa.- Disse con un tono di voce basso e lamentoso Flavio Bernini, che fino a quel momento era rimasto in silenzio.-

-Non è questione di scuse, qui si tratta di cose serie, non si può aiutare un terrorista e poi scusarsi come se nulla fosse, possibile che non vi rendiate conto della gravità del vostro gesto?
Comunque siccome vi stimo voglio cercare di aiutarvi, non sarete licenziati, riceverete una ritenuta di 200 dm sullo stipendio mensile, per i prossimi 3 mesi, quale multa, ed un richiamo nero della validità di un anno......
Ma ricordate non voglio più sentire il vostro nome in nessuna faccenda che riguardi questo ufficio! E adesso andate che con voi ho già perso anche troppo
tempo questo pomeriggio.-

-Grazie signore- mormorarono i due mentre infilavano velocemente l'uscita.

-Un richiamo nero?- stava sussurrando con un filo di voce Mattia Semioli mentre lo guardava con fare compassionevole. -Mio Dio se avessi ricevuto un richiamo nero non riuscirei più a dormire la notte per tutto l'anno, ma lo sai cosa significa un richiamo nero?-

-Certo che lo so- rispose Mario, -sono in questa azienda da più anni di te, credi che non conosca i regolamenti?-

-Tu e Flavio siete pazzi, lasciatemelo dire, un richiamo nero ed una ritenuta sullo stipendio e tutto per cercare di salvare il Ceccarelli che, comunque vadano le cose è più morto di un morto, non parliamo poi di quel ragazzo nuovo alto alto, il de Cesari che ha compromesso tutto il proprio futuro, siete pazzi!-

-Tu per salvare me non l'avresti fatto Mattia?-

-Io non lo farei per nessuno, neppure per mio fratello, ma ti rendi conto che con un richiamo nero sulle spalle basta una qualunque fesseria e sei fregato? Un ritardo, una giornata sotto l'indice di minima produttività, un'olochiamata personale che superi il tempo massimo, un cliente qualunque che si dica scontento di te e sei disoccupato, cioè più morto dei morti, perché oltretutto la tua morte interiore sei costretto a viverla fino a quando non sopraggiungerà quella naturale.-......

continua.....

Nessun commento: