Giustizia?

Maura Bathory

Andare in carcere a vita per un test di DNA molto discutibile. 
Un ergastolo dopo avergli negato, più volte, la possibilità di rifare il test. 

La giustificazione e' stata quella che il DNA trovato sul corpo di Yara Gambirasio era troppo esiguo per far si che potesse dare risposte sicure. 

In Italia dovrebbe esserci la presunzione di innocenza. Non si può mandare in cella un essere umano senza avere prove certe, oltre ogni ragionevole dubbio. 

Ha ragione la difesa di Bossetti, che dall'aula del Tribunale, oltre che dichiararlo per l'ennesima volta innocente, ha parlato del "più grande errore giudiziario del secolo" Andrà in carcere, ci resterà a vita, per delle prove inventate, inquinate, irrilevanti, non certe. 

Purtroppo Bossetti non è ricco, non ha conoscenze speciali, un capro espiatorio perfetto, è solo un povero cristo che hanno deciso di crocifiggere per poter fare in modo che Organi Istituzionali, Giudiziari, insieme al Reparto di Investigazioni scientifiche, potessero salvare la faccia, nascondendo i gravi errori commessi durante le indagini. 

Oggi è toccato a Bossetti, domani potrà capitare ad ognuno di noi.

Commenti

m.ariasetto ha detto…
Il fatto che ci siano già state due sentenze di giudici imparziali (8 in primo grado e 8 in appello) non conta: IO ho bramosia di clic e sosterrò sempre la tesi soccombente in giudizio